SISAS corsara a Roseto

PANTHERS ROSETO 56 – SISAS PALLACANESTRO PERUGIA 63 (19-8; 15-23; 10-16; 12-16)
PANTHERS ROSETO: Di Giacopo, Di Michele 7, Pineto n.e., Mascitti 15, Mauri 20, Zampetti, Bortone, Marini 4, D’Innocenzo, Panocchia n.e., Pallotta, D’Angelo 9. All.re Franco Ghilardi

SISAS PALLACANESTRO PERUGIA: Ricci 1, Iaconi, Bigini 3, Cardinali 3, Paolocci 28, Meucci 3, Zucchini 2, Manganello 3, Catalino 20. All.re Francesco Posti

Prima di ritorno col botto per la SISAS Pallacanestro Perugia che con una prova tutta cuore va a sbancare il palasport di Chieti e si porta a 4 punti in classifica.

Le 2 squadre si presentano con alcune assenze e la partita è condizionata da questo; le perugine vedono il rientro nelle 10 di Giulia Ricci dopo più di 1 anno di assenza.

Il primo quarto vede Roseto partire con una difesa pari che manda fuori giri l’attacco perugino a cui si unisce un pessimo atteggiamento difensivo; si arriva sul 21-8 di inizio secondo quarto, momento in cui le ragazze del presidente Aquinardi cominciano ad aggredire in difesa e a trovare ottime soluzioni in attacco sull’asse Catalino-Paolocci.

Dagli spogliatoi si vede una SISAS molto determinata che trova diverse soluzioni in attacco e ottime giocate difensive ma le padrone di casa ottimamente guidate da Coach Ghilardi non mollano di un centimetro.

L’ultimo periodo è per i deboli di cuore; Perugia è sempre avanti fino ad arrivare al +8 a poco più di 1 minuto da giocare ma le abruzzesi hanno 7 vite e si riportano a meno 3 con pochi secondi da giocare. La roulette dei tiri liberi col fallo sistematico, nonostante un 16 su 30 che grida vendetta, porta il punteggio a fissarsi sul 63-56 per la seconda vittoria stagionali per le ragazze di Francesco Posti.

Sentiamo proprio il Coach a fine gara: “dopo alcune partite giocate molto bene ma contro avversari di maggiore spessore contro cui vincere non era affatto facile, oggi siamo andate un pochino peggio ma per il semplice motivo che sentivamo molto l’importanza della posta in palio. Anche perchè quando vedi davanti a te l’opportunità di vincere sale la tensione del doverlo fare a tutti i costi; inoltre ci siamo dovuti inventare delle rotazioni particolari viste alcune assenze. Sono comunque 2 punti che ci danno morale e ci danno conferme sulla bontà del lavoro in palestra. Ora tra il turno di riposo e le vacanze natalizie rigiocheremo tra circa un mese e approfitteremo di questo periodo per lavorare nell’inserimento nei nostri giochi di Giulia e Enxhi, e nella crescita da un punto di vista fisico e difensivo dell’intero collettivo”